Questo sito utilizza cookie per monitorare la tua esperienza di navigazione del sito. Per maggiori informazioni su come utilizzare e gestire i cookie, consulta la nostra Informativa sui cookie. Chiudendo questa notifica acconsenti al nostro utilizzo dei cookie.
OK, ho capito

Concorsi: chi li ha visti?

Rivitalizzare il dibattito critico

Ripensare il senso delle residenze

Un nuovo ruolo sociale per l'arte

Come si conserva l'arte contemporanea in Italia?

Quale senso per l'arte pubblica?

Cervelli, corpi e progetti in fuga

Gli archivi come strumento di ricerca e formazione

Le istituzioni saranno spazi di discussione e di pensiero

Quale mercato per l'arte?

I premi: un oblio da eccesso?

Laboratorio Toscana

Famigerata e invisibile: la legge del 2%

Dopo l’accademia: uno spazio da costruire

Verso nuovi centri di produzione e sperimentazione

Censura e autocensura

Quali docenti? L'esperienza come risorsa

Grants: incentivare una buona pratica

Esterofilia: un problema italiano

La lingua italiana

Quantità di pubblico vs qualità della proposta

Gli indipendenti

Le fondazioni private sono le nuove istituzioni

L'arte deve essere provocazione?

Formazione di critici e curatori

Storia dell’arte nelle scuole: la grande assente

Separare la politica dalla cultura: un’urgenza

Contemporaneo sui media: un'assenza ingiustificata

Per una cultura del fundraising

Arte italiana all'estero. Strategie di promozione

Pubblico e privato: una questione di fiducia

Riconoscere il valore del lavoro culturale

Istituzioni coraggiose

Interdisciplinarità o transdisciplinarità?

Editoria: circolazione della conoscenza

Percorsi e modelli formativi per gli artisti

Centralità dell’educazione

Il Padiglione Italia: come salvarlo dal ridicolo

Programmare per tempo

Accademie straniere tra modello e integrazione

Nuovi mecenati

Quali musei?